I Polifenoli: Antiossidanti contenuti in vino, oli e altri alimenti

Polifenoli: antiossidanti contenuti in vino, oli e altri alimenti. polifenoli1

I polifenoli sono gli antiossidanti per eccellenza. Dalle molte proprietà terapeutiche, li troviamo nel vino, nell’olio, nelle foglie di tè verde ed in altri alimenti di origine vegetale e nei relativi derivati, a patto che non abbiano subito radicali trasformazioni.

  • Stimolano il sistema immunitario
  • Prevengono le infiammazioni
  • Favoriscono la crescita dei capelli
  • Aiutano nella prevenzione dei tumori
  • Prevengono le malattie cardiovascolari ed epatiche.

 

Cosa sono i polifenoli?

Da un punto di vista chimico, i polifenoli sono composti di strutture cicliche di atomi di carbonio, di idrogeno e da uno o più gruppi ossidrilici (un groppo ossidrile è dato da un atomo di ossigeno e da uno di idrogeno).

La produzione di polifenoli accomuna tutte le specie del regno vegetale ed è legata alla sopravvivenza delle piante stesse, dove intervengono contro parassiti e microbi, per inibire l’insediamento limitrofo di altre piante e per attrarre insetti impollinatori.

Si tratta, dunque, di una grande varietà di composti eterogenei, che si classificano in base alle caratteristiche chimiche.

 

Ecco, i più comuni.

Flavonoidi. Comprendono i polifenoli più conosciuti e presenti in tante varietà di frutta e verdura: flavoni, isoflavoni, flavonoli, antocianine e flavanoni.

Acidi fenolici come l’acido salicilico, l’acido siringico (presente nell’aceto) e l’acido gallico, diffuso in molte specie vegetali.

Stilbeni, altra classe molto presente in natura. Di questa fa parte, ad esempio, il resveratrolo, contenuto nella buccia degli acini d’uva.

Lignani, una classe che prende il nome dalla presenza nelle parti legnose di alcuni vegetali. Compaiono in abbondanza in cavoli, broccoli, carote e, in generale, nei cereali non raffinati.

Ora che sappiamo cosa sono effettivamente i polifenoli, cerchiamo di capire che importanza hanno per il benessere dell’organismo; vedremo, infatti, che, oltre ad avere un’importante e più nota funzione antiossidante, sono indispensabili alleati per la salute. Ma, nel dettaglio, come svolgono la loro funzione e perchè è importante assumerne il più possibile? Vediamo, dunque, come agiscono.

 

Proprietà antiossidanti.

Come accennavamo, la proprietà più nota dei polifenoli è senz’altro quella antiossidante.

Queste sostanze vantano, infatti, la capacità di neutralizzare i radicali liberi, molecole instabili che tendono a reagire con qualunque altra molecola circostante (lipidi di membrana, proteine, molecole di DNA) trasformandola in un radicale libero e innescando una reazione a catena che danneggia la cellula a vari livelli e accelera il processo di invecchiamento.

Gli antiossidanti agiscono, infatti, inibendo alcuni enzimi catalizzatori di reazioni di ossidazione; è il caso, per esempio, della lipossigenasi, deputata all’ossidazione degli acidi grassi e direttamente coinvolta nei processi infiammatori. Questa attività antiradicali è sfruttata anche per modulare i processi infiammatori di pelle e mucose e, pertanto, nella cura di psoriasi, eczemi e dermatiti.

Va però, detto che, come vedremo, la funzione antiossidante è solo una fra le proprietà dei polifenoli, tra l’altro particolarmente limitata. I polifenoli assunti attraverso l’alimentazione e sensibili al calore, infatti, sono in gran parte inattivati dalla cottura e non tutti, una volta ingeriti, vengono assorbiti. Inoltre, la biodisponibilità ematica (ovvero la frazione di polifenoli che il nostro organismo è in grado di assorbire e utilizzare per le proprie funzioni fisiologiche) è particolarmente bassa; l’emivita di queste molecole varia, infatti, da 2 a 6 ore. Per trarne il massimo beneficio, è pertanto necessario aumentarne la concentrazione nel sangue, variando il più possibile l’alimentazione in maniera da assumerli tutti.

 

Proprietà terapeutiche dei polifenoli.

Proprietà antiossidanti a parte, non tutti sanno che i polifenoli racchiudono ben altri segreti. Come, infatti, dimostrato da numerosi studi, svolgono un ruolo importante in funzioni più complesse che coinvolgono l’attivazione del sistema immunitario, come, ad esempio, nella prevenzione di infiammazioni, tumori e patologie cardiovascolari.

 

Azione antinfiammatoria dei polifenoli di vino, olio e cacao.

Ad alcuni polifenoli, come il resveratrolo, contenuti, ad esempio, nel vino rosso e nell’uva, è riconosciuta una certa attività antinfiammatoria. Questi antiossidanti agiscono, infatti, da modulatori della degradazione dei grassi polinsaturi, tra cui gli omega 6, con conseguente abbassamento nella produzione dell’acido arachidonico, derivante appunto dall’omega 6 e principale precursore della cascata di reazioni che porta all’instaurarsi del processo infiammatorio. Inoltre, come emerso da alcuni studi, gli acidi grassi polinsaturi, appartenenti alla famiglia degli omega 6, inibiscono l’adesione ai vasi sanguigni di alcune chemochine ed interleuchine che amplificano il segnale di flogosi.

L’azione antinfiammatoria si riconosce, inoltre, a polifenoli esclusivi dell’olio d’oliva, come i secoiridoidi, responsabili del tipico sapore amaro e leggermente “piccante in gola”, e le cui quantità variano a seconda del tipo e della qualità dell’olio. I secoiridoidi più abbondanti sono l’oleuropeina e i suoi derivati e il ligustroside. Di questi, è nota la capacità di agire come antiaggreganti sulle piastrine e di interferire nella produzione di eicosanoidi, mediatori dell’infiammazione.

Anche i processi di vasodilatazione e di produzione di ossido nitrico (NO), favoriti dai polifenoli contenuti in cacao e cioccolato, sono coinvolti nei processi infiammatori; possiamo, dunque, riconoscere anche al cacao un’azione antinfiammatoria.

Inoltre, integratori a base di polifenoli proteggono i follicoli capillare dall’infiammazione localizzata, tipica dei processi di perdita dei capelli. Stimolando la microcircolazione, promuovono, dunque, (soprattutto se associati alla vitamina E), l’apporto di nutrienti essenziali che favoriscono la crescita e la luminosità dei capelli.

 

Mela e tè verde un aiuto naturale alla prevenzione dei tumori.

Numerosi studi hanno confermato che i polifenoli svolgono un ruolo protettivo contro l’insorgenza del cancro. In particolare, le procianidine, che abbondano in alcuni frutti come il kiwi, la banana, i frutti rossi e soprattutto la mela, svolgono un’azione antitumorale attraverso un meccanismo d’azione pro-apoptotico. L’apoptosi, detta anche “morte programmata”, consiste nell’attivazione di una serie di segnali che conducono all’autoannientamento, un meccanismo che la cellula è in grado di esercitare su se stessa in caso di danni irreparabili strutturali o al DNA. Ora, se una cellula danneggiata non si autodistrugge, può andare incontro a divisione incontrollata, dando vita a un tumore. Le procianidine fanno, dunque, in modo che si verifichi l’apoptosi di cellule danneggiate irreversibilmente, inibendo, così, la formazione di cellule cancerose. Tuttavia, anche le procianidine sono assorbite in piccole quantità dall’intestino, cosicché la loro azione è diretta soprattutto alla prevenzione dei tumori in tessuti con i quali entrano direttamente in contatto, come quelli gastro-enterici appunto.

È proprio il caso di dirlo: una mela al giorno leva il medico di torno!

Ma la mela non è l’unico alimento ad avere effetti benefici per la prevenzione del cancro, tra questi rientra infatti anche il tè verde. Fra le sostanze benefiche contenute in questo tipo di tè, troviamo alcuni preziosi polifenoli della classe delle catechine, tra le quali la più famosa è la epigallocatechin-3- gallato (EGCG), in grado di proteggere dall’innesco dei meccanismi di proliferazione incontrollata tipica delle neoplasie. Alcuni studi in vitro hanno, infatti, dimostrato che l’EGCG, inibisce la migrazione delle cellule tumorali e, quindi, la formazione di metastasi. In attesa che ulteriori studi promuovano un farmaco che utilizzi questa straordinaria molecola, bere una bella tazza di tè verde svolge sicuramente un’azione di prevenzione contro l’insorgere dei tumori. Per cui non resta che scegliere: tè a colazione e mela come spuntino o meglio mela a colazione e te nel pomeriggio come nella tradizione inglese?

 

Polifenoli contro le patologie cardiovascolari.

Alcuni polifenoli, flavonoidi e lignani, fanno parte di un particolare gruppo di sostanze ad azione benefica nota con il termine di fitosteroli. Questi, avendo una struttura simile al colesterolo, lo sostituiscono a livello intestinale, riducendone l’assorbimento e, di conseguenza, anche il livello nel sangue. Fonti di fitoestrogeni sono soprattutto la frutta secca (noci, nocciole, mandorle, arachidi, pistacchi e simili) e spezie ed erbe aromatiche, come sesamo, rosmarino, salvia e chiodi di garofano.

È, inoltre, ormai nota da tempo la grande percentuale di polifenoli, soprattutto catechine e proantocianidine, contenuta nel cacao e, quindi, nel cioccolato; questi potenti vasodilatatori, aumentando il volume dei vasi, diminuiscono la pressione sanguigna. Tale effetto è potenziato dalla produzione (da parte degli stessi polifenoli) di ossido nitrico. Per ottenere questi benefici, sono, però, sufficenti piccole quantità di cacao; è, dunque, preferibile consumare cioccolato con maggiori quantità di cacao, come quello fondente (magari all’80 – 90%), e comunque in piccole dosi,(10-20 gr al giorno) restando fedeli ai principi di una sana alimentazione.

 

Effetto sul metabolismo di tè, caffè e carciofo!

Alcuni studi riportano risultati sorprendenti circa l’azione di alcuni polifenoli sul’accumulo di grasso nelle cellule. Fra questi, uno studio tedesco, fondato su esperimenti su culture di adipociti (cellule del tessuto adiposo), ha dimostrato l’azione della epigallocatechina-3-gallato (EGCG), polifenolo ricavato dagli estratti del tè bianco e verde, sul processo di maturazione delle cellule preposte all’accumulo dei grassi (adipogenesi). In effetti, la EGCG non solo inibisce la proliferazione di queste cellule e la loro maturazione, ma è anche in grado, se pur indirettamente, di inibirne la capacità di accumulo dei trigliceridi.

Inoltre, anche i flavonoidi e gli acidi fenolici presenti nei carciofi sono coinvolti nel metabolismo lipidico: inibiscono, infatti, la sintesi del colesterolo e, stimolando la secrezione biliare, favoriscono l’escrezione naturale dei grassi.

I polifenoli del cacao inibiscono, invece, l’assorbimento dei lipidi già a livello intestinale, ma attenzione a non abusare del cioccolato che, in quanto derivato dal burro dei semi di cacao, è ricco di grassi e, quindi, di calorie! (come detto sopra meglio concedersi 10-20 gr di cioccolato extrafondente).

Infine, si riconosce anche al caffè la capacità di aumentare la velocità del metabolismo; questo grazie all’azione dell’acido caffeico, un composto fenolico che, agendo su un enzima epatico (glucosio-6 fosfato), modula la concentrazione del glucosio del sangue e, quindi, il metabolismo degli zuccheri.

 

I polifenoli delle verdure (e non solo) proteggono il fegato.

Numerosi studi hanno, infine, confermato l’azione benefica di alcuni polifenoli del carciofo sul fegato (questi effetti benefici erano, tra l’altro, noti già nell’antichità). A destare particolare interesse sono la luteolina (un flavone presente anche carote, finocchi, sedano, peperoni) e la cinarina (polifenolo derivato dell’acido caffeico, abbondante anche nel tè verde). L’azione sinergica di luteolina e cinarina, a livello epatico, ha, infatti, effetti protettivi: da un lato, la luteolina modula l’attività di alcuni enzimi (fra cui quello coinvolto nelle sintesi del colesterolo), e dall’altro, la cinarina stimola la secrezione biliare e, quindi, l’escrezione dei grassi e delle tossine accumulate dal fegato. Proprio per queste azioni (inibizione enzimatica e aumento della secrezione biliare), il consumo di carciofi è sconsigliato durante la terapia con alcuni farmaci, di cui potrebbe ridurre l’efficacia. polifenoli2

Contenuto di Polifenoli e Antiossidanti

(mg per 100 g o mg per 100 ml)

ALIMENTO POLIFENOLI ANTIOSSIDANTI
Chiodi di garofano 15188 16047
Menta essiccata 11960 980
Anice Stellato 5460 1810
Cacao in polvere 3448 1104
Cioccolato fondente 1664 1860
Semi di lino 1528
Castagne 1215 2757
Mirtilli 836 471
Ribes nero 758 821
Capperi 654 3600
Olive nere 569 117
Nocciole 495 687
Prugne 377 411
Curry in polvere 285 1075
Ciliegie 274 144

Processo Alcalino: La tua guarigione inizia da questo principio granitico

Negare l’importanza del processo alcalino porta l’organismo ad ogni genere di degenerazione fisica.

Quando modifichi la dieta, includendo sempre più alimenti ed integratori alcalinizzanti, le scorie acide che sono accumulate nell’organismo iniziano a muoversi verso i canali di smaltimento del flusso sanguigno e del sistema linfatico. Qualunque cosa si trova depositata nei tessuti, sia che si tratti di farmici somministrati da tua madre all’età di 5 anni, che le tossine prodotte dai 150 litri di analcolici che hai assunto (il consumo pro capite annuale nazionale), sarà scaricata nella circolazione generale per essere rimossa. Questo è denominato Processo di Guarigione alcalino.

Possono verificarsi oscillazioni di caldo e freddo che comprendono la comparsa di febbre da qualche parte nell’organismo anche quando non sia registrabile con un termometro. La febbre è indice della liquefazione e circolazione di prodotti di scarto. Potrebbero manifestarsi sudore, nausea, diarrea e indolenzimento generale. Potresti sentirti insolitamente più spirituale e chiederti il perché. E’ perché hai fatto la scelta di ripulire il tuo tempio ed arrivare ad essere a più stretto contatto con DIO. Purgarsi dai rifiuti acidi appartiene naturalmente al tuo desiderio di rafforzare questo rapporto. Stai elevandoti al divino!

La durata di questo perido di guarigione è variabile. Secondo la mia esperienza, i processi di guarigione più faticosi avvengono solitamente all’inizio e possono durare da uno a dieci giorni. Anche se raramente, mi sono capitati prolungamenti del periodo fino ad un mese prima che ci fosse una completa ripresa. Dipende tutto da quanto sei sovraccarico di acido, da quanto forte è il tuo organismo prima che inizi il processo e da quanto sei determinato a cambiare.

Secondo il mio punto di vista, più è resistente la costituzione fisica della persona, più intensamente si manifesta il processo di guarigione. In altre parole, gli organismi forti guariscono in maniera veloce.

Quando si avvia il processo di guarigione, è molto probabile che un qualsiasi virus si manifesterà in qualche parte del tuo corpo. Ciò dipende dal fatto che il corpo si sta disfacendo attraverso il sangue e la linfa massicciamente dei prodotti i scarto tissutali immagazzinati. I microbi adorano l’acido, ci banchettano lautamente. Grazie al cambiamento in corso nel vostro corpo, i microbi trovano prontamente la tavola imbandita.

Tuttavia, la tua infezione microbica non è la stessa del vostro vicino che non smette di rimpinzarsi con cibi chimicamente manipolati! Anche quando lo specialista di turno ti dice che sei interessato dalle stesse problematiche del tuo amico, che mangia cibo spazzatura acidificante, non è così. La differenza è che stai riguadagnando alcalinità e questo microdo opportunista ti sta riducendo più velocemente i rifiuti acidi tissutali. Il sistema immunitario risulterà rinforzato e con molto meno acido dopo questa depurazione.

Eccoti la solita scena: un individuo contrae un’infezione e compare la febbre che è il modo in cui il corpo si depura. Egli si affretta a prendere antibiotici. Se gli vengono date raccomandazioni riguardo l’alimentazione, si tratterà dell’invito a bere molti liquidi. Quindi, egli trangugia succhi di frutta con zucchero raffinato oppure i soliti analcolici. Tutte queste sostanze sono acidificanti e indeboliscono. Ben poco è stato fatto per ricostituire le sue riserve alcaline oppure rafforzare il suo sistema immunitario.

Il corpo desidera salute! E’ geneticamente programmato per essere in salute. Non persegue il declino a 50 anni. Infiniti sono i casi registrati di individui che arrivano a vivere fino a 150 anni o più. Aiuta il corpo nel suo desiderio intrinseco di guarire obbedendo al principio dell’alimentazione alcalina. E’ il patrimonio di cui disponi per godere di una san e lunga vita.

Per alcalinizzare e purificare velocemente il tuo corpo attivando il processo alcalino ti consiglio l’uso combinato di CORAL-MINE e della microidrina H-500.

Continua a seguirmi nei prossimi articoli.

Non dimenticarti di commentare l’articolo qui sotto, e magari di girarlo a qualche tuo amico.

Stress ossidativo: Scopri da cosa nasce la CENERENTOLA Ossigeno

OSSIGENO la causa dello stress ossidativo

L’ossigeno è l’elemento vitale per eccellenza. Infatti, legando l’idrogeno generato dal catabolismo cellulare, genera l’energia chimica necessaria per lo svolgimento di tutti i processi vitali (movimento, secrezione, crescita ecc.). Sotto forma di radicali liberi, l’ossigeno poi aiuta l’organismo a difendersi dalle infezioni. Eppure, molti nutrizionisti spesso non tengono in adeguata considerazione il fatto che le cellule non sopportano un abbassamento dei livelli tissutali di ossigeno (ipossia), specialmente se seguita da un suo brusco innalzamento (ischemia riperfusione), in quanto ambedue le situazioni possono generare un eccesso di radicali liberi che, sfuggendo al controllo dei sistemi di difesa antiossidante, scatenano una condizione di stress ossidativo.

QUALI SONO LE CONSEGUENZE DEI RADICALI LIBERI

L’alterata biodisponibilità di ossigeno può provocare danni a livello dei vasi sanguigni, della membrana extracellulare e delle cellule, da cui insorgenza e/o aggravamento di malattie da stress ossidativo (oltre 100) ed invecchiamento precoce.

I componenti attivi di H-500 ristabilendo I valori alcalini ottimali, contrasta l’acidosi e l’eccessiva produzione di radicali liberi (azione antiossidante), come si osserva anche nelle sindromi ischemico-riperfusive

L’integratore alimentare H-500 aiuta a ripristinare, se alterata, l’integrità biochimica ed anatomo-funzionale della matrice extracellulare, favorendo gli scambi metabolici tra il sangue e i tessuti e facilitando l’eliminazione delle scorie metaboliche (azione disintossicante, depurante e drenante).

A cosa serve l’integratore H-500

H-500 è un integratore alimentare privo di potere calorico e di effetti collaterali indesiderati, assolutamente atossico. H-500, inoltre, non è un farmaco e non contiene sostanze dopanti, né lattosio, né glutine, per cui può essere assunto in sicurezza sia da chi pratica attività sportiva a livello agonistico sia da chi soffre di comuni allergie/intolleranze alimentari.

L’antiossidante H-500 è suggerito come coadiuvante, nel contesto di uno stile di vita salutare, in tutte le situazioni di carenza nutrizionale (da stress psico-fisico, diete squilibrate, etc.), nei disturbi legati ad un’ossigenazione insufficiente dei tessuti (es. cefalea, difficoltà di concentrazione, astenia, etc.), nei casi di aumentata produzione di radicali liberi e/o carenza di antiossidanti (da malattie infiammatorie, degenerative, metaboliche o terapie mediche, es. pillola, associate a stress ossidativo), nelle sindromi ischemico-riperfusive, nei deficit immunitari, nelle intossicazioni croniche (es. da alcol o farmaci), nella sindrome da ipersensibilità chimica multipla, nella fibromialgia e nelle intolleranze/allergie alimentari. H-500, infine, può essere utile nella prevenzione dell’invecchiamento precoce (specialmente nel contesto di protocolli di disintossicazione, drenaggio, depurazione) e nel supporto nutrizionale dell’attività sportiva, amatoriale o agonistica.

COME SI FORMANO I RADICALI LIBERI

Ogni volta che respiriamo, o anche l’acqua stessa che beviamo, mettiamo in circolo ossigeno che entra a far parte dei processi di ossidazione che si svolgono in tutte le cellule del nostro corpo.

I radicali liberi si formano all’interno delle nostre cellule, dove l’ossigeno viene utilizzato per produrre energia.

Non tutto l’ossigeno viene consumato ma in parte va a formare queste molecole che contengono uno o più atomi di ossigeno.

L’ossigeno è sempre alla ricerca di qualcuno che gli presti due elettroni e, dato che è unMolecola-H2O atomo piuttosto piccolo, ha un alto valore di elettronegatività. L’idrogeno ha un solo elettrone e quindi quando forma dei legami con altri atomi può mettere in gioco appunto un solo elettrone. I due atomi di idrogeno prestano il loro elettrone (in rosso nel disegno) all’ossigeno, in questo modo l’ossigeno può “far finta” di avere otto elettroni nei suoi orbitali esterni (s e p non distinti nel disegno).

Questi radicali “liberi” appunto cercano di tornare in equilibrio rubando elettroni alle altre cellule e possono danneggiarle in vari modi, come ad esempio iniziando un tumore.

Ecco che gli antiossidanti combattono il rischio con un meccanismo semplicissimo: cedono ai radicali liberi l’elettrone che a loro manca e quindi “disinnescano la miccia”.

Condividi questo articolo e lascia un commento.

I 12 segni di disidratazione: Scopri perché è importante riconoscerli

Disidratazione

Vuoi conoscere i 12 segni di disidratazione che non sono aver sete? Scopri perché è così importante riconoscerli

Bere acqua pura ogni giorno è un componente chiave della salute ottimale. Purtroppo, molti fanno l’errore di rinunciare all’acqua per altri tipi di liquidi, ma questi invece di idratare spesso stimolano l’espulsione di liquidi e quindi la disidratazione.

I bambini sono particolarmente inclini a bere bevande dolci come cola, aranciate e succhi di frutta al posto di acqua naturale, e molti ragazzi che fanno sport tendono a consumare bevande energetiche.

Secondo un recente studio di Harvard, più della metà dei bambini sono disidratati, cosa che ha ripercussioni sulla loro salute e il rendimento scolastico. La principale causa è che consumano bevande zuccherate come emerso da un’analisi del 2011, circa il 70 per cento dei ragazzi di età compresa tra 2-19 anni beve bevande zuccherate ogni giorno, che come ha notato l’autrice della ricerca Erica Kenney:

“Anche se per la maggior parte di questi ragazzi questo non ha un effetto immediato, è una minaccia drammatica per la salute, questo è un problema che potrebbe davvero ridurre la qualità della vita di molti bambini e giovani”.

Il corpo ha bisogno di acqua per il suo funzionamento

Il corpo è costituito da acqua per almeno il 70%, necessario per un certo numero di processi fisiologici e reazioni biochimiche, compreso ma non limitato a:

  • Circolazione sanguigna
  • Metabolismo
  • Regolazione della temperatura corporea
  • Rimozione degli scarti e disintossicazione
  • Controllo del peso
  • Produrre energiaAcqua_Motivi

La base della nostra vita è l’acqua.  I due terzi della superficie terrestre è coperta d’acqua! L’acqua è la seconda sostanza più importante presente sulla Terra dopo l’ossigeno. Senz’acqua l’uomo riesce a sopravvivere solamente tre giorni.

Acqua_Percentuali

Il nostro organismo è composto per due terzi di acqua:

  • cervello: fino al 90% di acqua
  • sangue: fino all’ 85%
  • polmoni: fino all’83%
  • reni: fino al 79%
  • cuore: fino al 73%
  • muscoli: fino al 72%

Quando il corpo perde tra il 1-2 per cento del suo contenuto totale di acqua manderà il segnale di sete. Utilizzando la sete come una guida per quanta acqua è necessari bere è un modo ovvio per garantire la presenza di acqua nel corpo.

Tuttavia il meccanismo della sete in realtà entra in gioco quando già sei nelle prime fasi di disidratazione, e comunque sia spesso questo segnale viene messo a tacere bevendo succhi e bibite industriali che peggiorano solamente la situazione.

Inoltre, il meccanismo della sete tende ad essere poco sviluppato nei bambini, rendendoli più vulnerabili alla disidratazione. Gli anziani sono anche a rischio maggiore. Spesso la fame tra i pasti e il desiderio di snack e dolci è un segnale di disidratazione: prova a bere un bicchiere d’acqua invece di mangiare e vedi se scompare la fame. Questo accade perché il nostro cervello alcune volte scambia lo stimolo della seta con quello della fame.

Vediamo in dettaglio i 12 segnali di disidratazione:

  • Affaticamento e/o vertigini
  • Sbalzi d’umore
  • Pensiero annebbiato e scarsa concentrazione
  • Brividi
  • Crampi muscolari
  • Dolori alla schiena o articolari
  • Pelle secca e pallida e rughe pronunciate
  • Costipazione
  • Minzione non frequente, di colore scuro e concentrata
  • Mal di testa
  • Alito cattivo e/o bocca secca
  • Voglia di zucchero

La disidratazione grave può mettere anche in pericolo di vita, ma anche una lieve disidratazione può causare problemi che vanno dal mal di testa e irritabilità a difficoltà cognitive. Può anche influenzare le prestazioni sportive, come osservato in un recente rapporto della rete americana CNN:

“Basta un livello di disidratazione del due per cento nel nostro corpo per provocare una diminuzione del 20 per cento in termini di prestazioni atletiche.”

“E più si diventa disidratati, peggiore diventa la performance. Inoltre si sente di più la fatica e quindi si fa bene con la stessa sensazione di sforzo.”

Per fare altri esempi il 4% di disidratazione comporta nausea, capogiro, stanchezza. Il 6% la perdita di coordinazione nei movimenti e nel linguaggio. Il 10% l’alterazione della termoregolazione e la morte delle cellule. Il 20% è la soglia oltre la quale può sopravvenire la morte.

Nella maggior parte dei casi è proprio la disidratazione a costituire la principale causa d’invecchiamento della persona.

Quanta acqua bere ogni giorno

Alcuni dicono che dovresti bere almeno 2 litri di acqua, mentre secondo l’Istituto di Medicina Americano bisognerebbe bere dai 3 ai 4 litri ogni giorno, e dall’opposto ci sono coloro che affermano che bastano 2 bicchieri di acqua. Qual è la verità? La realtà è che è impossibile definire una linea guida per tutti dato che ci sono tanti fattori da prendere in considerazione:

  • attività fisica
  • condizione climatica
  • alimentazione
  • uso di farmaci

che influenzano pesantemente la quantità d’acqua di cui avremo bisogno. Ad esempio d’estate si deve bere più che in inverno, se usi farmaci devi bere di più per espellerli dal corpo, se mangi molta frutta e verdura puoi bere meno. E’ anche vero che esiste una linea guida abbastanza attendibile che indica come fabbisogno giornaliero 30ml d’acqua per ogni chilo del proprio peso. Per fare un esempio se il tuo peso è di 70Kg allora il  tuo fabbisogno medio giornaliero d’acqua dovrebbe essere di 2,1Lt.

Il colore dell’urina è un indicatore del livello di idratazione

Il migliore indicatore quindi che ognuno di noi deve usare per capire se bere di più o di meno (si può capitare!) è quello di osservare ogni volta il colore della propria urina. Nel prossimo articolo che pubblicherò  “Ecco cosa rivela il colore delle urine sulla tua salute” spiegherò in dettaglio il significato di ogni sfumatura di colore rispetto al nostro stato di salute e livello di idratazione.

Infine un altro indicatore da prendere in considerazione è la frequenza della minzione. Una persona in salute fa la pipì fino a 7-8 volte al giorno, quindi se per diverse ore non vai in bagno è un segnale che sei disidratato.

Per idratarsi dobbiamo bere di più o perlomeno sostituire le bevande industriali (compresi gli energy drinks) con della buona e fresca acqua che è l’origine della vita che è molto migliore nello stimolare benefici ed ottime prestazioni sia fisiche che mentali.

E’ pertanto necessario mantenere nell’organismo un ottimo livello idrico, prediligendo dell’acqua pura e biologicamente sana come quella che puoi ottenere con l’impiego del calcio di corallo fossile CORAL-MINE.

CORAL-MINE

Integratori antiossidanti naturali e farmaceutici: cosa sono e a cosa servono?

Gli integratori di antiossidanti rappresentano una fonte aggiuntiva che può essere utile in caso di carenze o di aumentato fabbisogno di queste sostanze. Ma che differenze ci sono tra gli integratori naturali, e quelli farmaceutici? Scopriamo a cosa servono, ed analizziamone le caratteristiche tenendo presente che gli i vantaggi ed anche gli eventuali effetti collaterali.

Un integratore di antiossidanti è unaintegratori-antiossidanti sostanza che viene utilizzata per assumere, nel
corso della giornata, una quantità adeguata o maggiore di queste sostanze, importantissime per garantire sia la salute che la bellezza dell’intero organismo.

Esistono due grandi categorie di integratori di antiossidanti:

  • quelli naturali, ovvero alimenti che naturalmente contengono le sostanze antiossidanti,
  • quelli farmaceutici, che solitamente sono preparati erboristici o sintetici, che si utilizzano in caso di carenze alimentari o di situazioni in cui gli alimenti non bastano a coprire il fabbisogno di antiossidanti giornaliero. E come vedremo anche in questa macrocategoria è possibile identificare due sottocategorie, gli integratori alimentari naturali e quelli invece creati in laboratorio.

GLI INTEGRATORI FARMACEUTICI NATURALI E DI SINTESI

Per integratori farmaceutici si intendono tutti quei prodotti che vengono realizzati dall’industria farmaceutica e che, solitamente, si definiscono anche alimentari in quanto vengono assunti per via orale, come se fossero un alimento.

Come accennato sopra anche gli integratori farmaceutici possono essere di due diverse tipologie:

  • naturali, quando la loro produzione prevede l’impiego di materie prime naturali come le piante o gli alimenti, e da cui si estraggono i principi attivi che verranno poi inseriti negli integratori,
  • di sintesi, quando i principi attivi non sono estratti da sostanze naturali ma vengono sintetizzati chimicamente in laboratorio e pertanto risultano essere “sintetici”.

COSA DEVONO CONTENERE GLI INTEGRATORI ANTIOSSIDANTI?

Non tutti gli integratori sono meritevoli di interesse, poiché per avere un buon effetto un integratore deve avere determinate caratteristiche che ne accertino il contenuto di principi attivi e quindi la comprovata efficacia.

In particolare un integratore farmaceutico deve:

  • Contenere una concentrazione di antiossidanti tale da garantire a colui che li assume l’efficacia pubblicizzata. È sempre bene pertanto controllare le etichette e vedere quanta percentuale di sostanza antiossidante è contenuta.
  • Avere un buon rapporto qualità/prezzo ovvero il costo deve essere rapportato alla quantità di antiossidante contenuto e alle materie prime utilizzate.
  • Contenere antiossidanti che abbiano azione sinergica, cioè che agiscano insieme per favorire il benessere dell’organismo, e che siano complementari tra loro, cioè che l’uno non annulli o diminuisca l’azione dell’altro.
  • Essere prodotto con tecniche di estrazione del principio attivo che comportino la minor perdita possibile di sostanza antiossidante.
  • Avere alle spalle diversi trial clinici, cioè diversi test che ne comprovano l’efficacia sugli esseri umani.

Integratori contro i radicali liberi: ingredienti ed utilizzi.

Come abbiamo detto gli integratori farmaceutici di antiossidanti sono preparazioni, naturali o sintetiche, che contengono le sostanze di interesse estratte dalla pianta che li contiene o prodotte chimicamente in laboratorio.

Ne esistono di diverse tipologie e forme in commercio, ma le categorie principali sono integratori di vitamine e minerali, di acidi grassi essenziali, di flavonoidi e polifenoli e di altri antiossidanti.

Vediamo nel dettaglio qual sono i più diffusi ed il loro impiego.

VITAMINE E MINERALI

Gli integratori di vitamine e minerali sono quasi tutti di sintesi, ovvero i componenti vengono prodotti chimicamente e non estratti da piante presenti in natura, sebbene in taluni casi siano anche di origine naturale. Tra quelli più presenti in commercio abbiamo:

  • Vitamina A: utile per il benessere degli occhi, per la pelle e per l’abbronzatura, è presente in commercio sotto forma di integratore singolo, cioè solo di vitamina A, o sotto forma di complessi multivitaminici. Nel primo caso è possibile trovare sia un integratore di vitamina A già pronta sia un integratore contenente carotenoidi cioè i precursori della vitamina A. si trova solitamente sotto forma di capsule morbide, ed i costi sono di circa 15 euro per 100 compresse.
  • Vitamina E: rappresenta uno dei più potenti antiossidanti anti – age, che contrasta i segni del tempo e dell’invecchiamento precoce. Si trova solitamente sotto forma di perle gelatinose contenenti solo vitamina E, o in complessi multivitaminici. I costi per le confezioni da 60 – 100 capsule variano da un minimo di 6 euro a un massimo di 22 euro.
  • Vitamina C: un integratore di acido ascorbico (altro nome della vitamina C) è molto utile per rafforzare il sistema immunitario e proteggersi da diverse malattie. Si trova in commercio sotto diverse forme, a lento rilascio o a rilascio rapido, in compresse, da ingoiare o masticabili o effervescenti, in polvere, in bustine effervescenti, con costi variabili tra 5 e 25 euro. Essendo una vitamina idrosolubile viene eliminata dall’organismo molto rapidamente e pertanto di solito gli integratori si assumono più volte al giorno per raggiungere il corretto fabbisogno.
  • Selenio: particolarmente utile in associazione alla vitamina E come antiossidante anti – age, il selenio si trova in commercio sottoforma di capsule, con prezzi variabili dai 6 ai 15 euro.
  • Zinco: utile per la cicatrizzazione dei tessuti, per la salute dei capelli e delle unghia, per il benessere del fegato e per rafforzare il sistema immunitario. Si trova in diverse forme come compresse, tavolette masticabili, con prezzi variabili tra 10 e 20 euro.

Acidi grassi essenziali

Gli acidi grassi essenziali, così chiamati poiché il nostro organismo non è in grado di sintetizzarli e vanno assunti con la dieta, sono degli ottimi antiossidanti e proteggono da diverse patologie, in particolare da quelle cardiovascolari e neurodegenerative. In commercio troviamo integratori che contengono sia gli omega 3 che gli omega 6 poiché tali sostanze vanno assunte in un determinato rapporto omega 3/omega 6 che è compreso tra 1:2 e 1:6.

Possono essere di origine naturale, cioè estratti dalla fonte naturale di acidi grassi essenziali che sono il pesce o i semi oleosi, oppure di origine sintetica, ma in generale è bene scegliere un integratore che:

  • Rispetti il rapporto tra omega 3 e omega 6.
  • Contenga vitamina E che favorisce sia l’assorbimento degli acidi grassi essenziali sia la corretta conservazione del prodotto grazie alle sue caratteristiche antiossidanti.
  • Rispetti il tipo di acidi grassi essenziali contenuti e nel dettaglio riporti la dicitura “acido linoleico” per quanto riguarda gli omega 6 e di “DHA” ed “EPA” (le forme metabolicamente attive dell’acido alfa linolenico) per quanto riguarda gli omega 3.

In commercio esistono integratori solo di omega 3, solitamente derivati dall’olio di pesce, solo di omega 6, solitamente derivati dall’olio di borragine, oppure integratori che contengono sia omega 3 che omega 6. Sono presenti in commercio sotto forma di capsule molli o perle gelatinose, e si consiglia di assumerne circa 1 – 2 capsule o perle al giorno. I costi variano dai 10 ai 20 euro.

ALTRI ANTIOSSIDANTI

Oltre a vitamine, minerali ed acidi grassi essenziali vi sono altre sostanze antiossidanti molto importanti per il benessere dell’organismo e che si possono trovare sotto forma di integratori. Tra quelli più utili abbiamo:

  • Flavonoidi: rappresentano uno degli antiossidanti più importanti per il benessere dei vasi sanguigni e della circolazione in generale. Vengono venduti degli integratori che contengono un mix di flavonoidi tra cui antocianine, catechine, flavoni, ed altri. Solitamente sono integratori erboristici, i cui principi attivi vengono estratti da frutta e verdura, in particolare da bacche, the verde, barbabietole e uva. Si assumono sottoforma di compresse o tavolette, hanno costi variabili dai 10 ai 20 euro e si consiglia l’assunzione due volte al giorno.
  • Polifenoli: rappresentano un’ampia classe di antiossidanti che contiene fenoli semplici, bioflavonoidi e tannini e pertanto in commercio possono trovarsi diversi integratori contenenti diversi antiossidanti polifenolici. Si estraggono solitamente dalle piante, per esempio dalle olive, le bacche o il maqui, contenenti moltissimi polifenoli diversi. Si assumono sotto forma di capsule e hanno costi e posologie variabili in base alla tipologia di integratore scelto.
  • Coenzima Q10: è un antiossidante, solitamente prodotto dal nostro organismo, utile per il benessere della pelle poiché molto potente nel contrastare i radicali liberi. Gli integratori contengono coenzima Q10 di sintesi, sono in commercio sotto forma di capsule o perle gelatinose, e hanno un costo variabile tra 10 e 35 euro. La dose giornaliera è di circa 2 capsule al giorno per raggiungere una copertura di 200 mg giornalieri.
  • Complessi anti age: sono integratori contenenti un mix di antiossidanti anti invecchiamento che aiutano a prevenire l’invecchiamento precoce delle cellule e le sue manifestazioni sintomatiche. Solitamente sono degli integratori completi, essendo sia multivitaminici che ricchi di antiossidanti, e si trovano in commercio sotto forma di compresse o capsule i cui costi e posologie variano in base alla marca ed al contenuto dell’integratore.

A cosa servono questi integratori?

n alcuni casi assumere un integratore di antiossidanti potrebbe essere utile per il benessere dell’organismo. Per esempio gli integratori di antiossidanti sono utili in caso di:

  • Carenze: in caso di gravi carenze alimentari per denutrizione, malnutrizione o dieta povera di frutta e verdura, risultano molto utili gli integratori di antiossidanti completi, quelli cioè che contengono vitamine, minerali, flavonoidi, polifenoli. Sono anche utili gli integratori di acidi grassi essenziali per riuscire a coprire il fabbisogno giornaliero.
  • Gravidanza: in casi di aumentato fabbisogno, come per esempio in gravidanza, se non si riesce a raggiungere la quantità giornaliera consigliata con l’alimentazione, si può ricorrere ad un integratore di antiossidanti. Sarà il medico a decidere quali integratori assumere e in che quantità.
  • Menopausa: per prevenire l’invecchiamento cellulare e contrastare i sintomi della menopausa, è possibile in questo periodo ricorrere agli integratori di antiossidanti. Si consigliano in particolare i complessi multivitaminici contenenti anche minerali, gli integratori di acidi grassi essenziali, quelli contenenti flavonoidi per il benessere dei vasi sanguigni, quelli contenenti isoflavoni (in particolare derivati dalla soia) per contrastare i sintomi della menopausa e quelli contenenti coenzima Q10 per la pelle e l’invecchiamento in generale.
  • Sport: ai soggetti sportivi può essere utile un’integrazione con antiossidanti poiché lo sport se praticato in maniera agonistica o comunque giornaliera, tende ad aumentare la produzione di radicali liberi (ma anche a potenziare l’azione dei sistemi antiossidanti dell’organismo). In alcuni casi quindi assumere un integratore multivitaminico con minerali potrebbe aiutare lo sportivo nelle sue performance.
  • Capelli: in caso di capelli deboli, tendenti a sfibrarsi ed a rompersi un integratore di antiossidanti a base di minerali quali lo zinco, flavonoidi per favorire il microcircolo e vitamine, potrebbe essere utile per ripristinare l’equilibrio del cuoio capelluto e risolvere il problema.
  • Prevenzione: in alcuni casi un’integrazione con antiossidanti può essere utile per la prevenzione di alcune patologie. Ad esempio un integratore contenente beta carotene, vitamina A, vitamina E, vitamina C e luteina può essere utile per la salute degli occhi e della retina, mentre uno a base di omega 3 ed omega 6 potrebbe aiutare a prevenire patologie quali ictus, infarto e ad abbassare i livelli di colesterolo nel sangue.

Quando sono dannosi: i possibili effetti collaterali.

Se da un lato l’utilizzo degli integratori di antiossidanti viene visto come un qualcosa di estremamente benefico per l’organismo, alcune opinioni sono contro il loro utilizzo sconsiderato. In particolare gli esperti suggeriscono di porre l’attenzione sul fatto che tali sostanze possono essere inutili o perfino dannose per l’organismo. In particolare si è visto che:

  • Gli integratori a base di glutatione, un potente antiossidante prodotto dal nostro organismo, sono quasi inutili poiché il glutatione assunto per via orale sembra non apportare nessun beneficio a causa del suo scarso assorbimento.
  • Gli integratori a base di vitamine liposolubili (A ed E) possono provocare iperaccumulo della vitamina nel tessuto adiposo e portare a problemi quali tossicità (nel caso della vitamina A) ed aumento del rischio di cancro (nel caso della vitamina E).
  • L’utilizzo di integratori a base di zinco potrebbe causare l’insorgenza di infezioni del tratto urinario, brividi di freddo, febbre e dolore toracico.
  • L’eccesso di omega 6, in particolare se assunti insieme alla vitamina E, potrebbe causare un aumento del rischio di cancro a causa di un complesso che si forma e che provoca danni al DNA.

Stress ossidativo: cos’è? Sintomi, cause, rimedi e conseguenze per la salute.

Lo stress ossidativo è una condizione causata dall’eccessiva produzione di radicali liberi da parte dell’organismo, che non riesce più a smaltirli normalmente. Questa situazione ha gravi conseguenze per la salute, con sintomi come invecchiamento cutaneo, patologie cardiovascolari e neurodegenerative e, in generale, danni cellulari. Ma quali sono le cause dell’aumento incondizionato dei radicali liberi? E quali i rimedi? Approfondiamo il tema!

stress-ossidativo_steve_zanardi

Cosa significa stress ossidativo?

Ormai se ne sente parlare molto spesso, ma cosa si intende con stress ossidativo? Per la precisione, si tratta del’alterazione dell’equilibrio tra la formazione e l’eliminazione delle specie ossidanti fisiologicamente prodotte nel nostro organismo. Queste ultime, meglio conosciute con il nome di radicali liberi, possono formarsi in misura maggiore a causa di stress, cattivo stile di vita, eccessiva esposizione ai raggi solari o dieta scorretta.

In tali circostanze, i sistemi di difesa antiossidanti dell’organismo non riescono a contrastare i radicali liberi che causano il tanto temuto stress ossidativo. In realtà, esso stesso in sé non apporta danni diretti, ma è causa di patologie secondarie, alcune delle quali anche molto gravi.

Per prima cosa, però, cerchiamo di capire nel prossimo paragrafo come si formano i radicali liberi! Tu lo sai?

I Radicali Liberi

Per comprendere bene cosa sia lo stress ossidativo è necessario conoscere il meccanismo con cui vengono prodotti gli agenti ossidanti. I radicali liberi, più correttamente indicati con il termine “specie reattive dell’ossigeno” o ROS, si formano nell’organismo a partire da numerosi processi biochimici in cui sia presente l’ossigeno. In particolare:

  • I processi di riduzione dell’ossigeno in acqua che avvengono a livello delle membrane dei mitocondri producono il radicale anione superossido.
  • Se due molecole di anione superossido si combinano insieme, danno origine al perossido di idrogeno, un radicale molto attivo, capace di attraversare la membrana cellulare in maniera rapida.
  • Dalla reazione di ioni metallici e perossido di idrogeno si forma il radicale ossidrilico, uno dei ROS più reattivi.

I radicali liberi così prodotti sono specie instabili che necessitano del legame con le strutture cellulari per riuscire a stabilizzarsi. Infatti, quando uno di essi si lega ad una cellula (ad esempio al DNA, alle proteine o ai lipidi), si dice che la struttura cellulare viene ossidata; poi, l’ossidazione rende la cellula sensibile ai processi di invecchiamento precoce e alla degradazione. Normalmente, i radicali liberi vengono neutralizzati dai sistemi antiossidanti, quali gli importantissimi enzimi glutatione e superossido dismutasi, ma, in caso di eccessiva produzione degli agenti ossidanti, la cellula non riesce a neutralizzarli tutti e di conseguenza questi si accumulano, provocando la condizione di stress ossidativo.

Adesso ti è sicuramente più chiaro come avviene la formazione dei radicali liberi, vero? Allora possiamo procedere con il prossimo approfondimento, che si concentra sulle cause dello stress ossidativo! Sai che sono per lo più le nostre cattive abitudini a determinarlo?

Stress ossidativo cause

I motivi della comparsa di stress ossidativo sono correlati prevalentemente a comportamenti scorretti o a stili di vita che fanno aumentare la produzione dei radicali liberi nell’organismo. Volendo fare un elenco, tra i fattori che determinano questa situazione ci sono:

  • L’esposizione prolungata e senza filtro protettivo ai raggi solari: le radiazioni UV provocano sia danni diretti al DNA, sia aumentano i fenomeni di ossidazione nell’organismo, incrementando, quindi, la produzione di radicali liberi.
  • Il fumo di sigaretta: fumare è un’attività altamente ossidante e, pertanto, aumenta a dismisura la produzione di radicali liberi, con il conseguente stress ossidativo.
  • L’esposizione a radiazioni ionizzanti: esporsi, per esempio, ai raggi X utilizzati per alcune indagini diagnostiche come le radiografie o la tac, intensifica i fenomeni di ossidazione.
  • Una dieta povera di frutta e verdura: ingerire quantità insufficienti di frutta e verdura può essere molto dannoso, poiché in questi alimenti sono contenute tantissime sostanze antiossidanti che aiutano l’organismo a neutralizzare i radicali liberi in eccesso.
  • La predisposizione genetica: possono esserci anche cause genetiche alla base di una minore funzionalità dei sistemi antiossidanti endogeni (per esempio degli enzimi catalasi, superossido dismutasi e glutatione). In conseguenza di ciò, l’organismo sarà meno in grado di contrastare i radicali liberi, i quali produrranno stress ossidativo.
  • Le patologie metaboliche: diabete, sovrappeso e obesità (che insieme all’ipertensione costituiscono la sindrome metabolica) provocano stress ossidativo; in caso di diabete (compreso quello gestazionale), gli alti livelli di glicemia causano un aumento dei fenomeni ossidativi; l’obesità e il sovrappeso producono, invece, infiammazioni a livello degli adipociti (cioè delle cellule costituenti il tessuto adiposo), avendo come effetto un eccesso di radicali liberi.
  • L’abuso di alcol: le bevande alcoliche e soprattutto i superalcolici sono off-limits per chi vuole combattere i radicali liberi, poiché ingerire troppo alcol accelera in maniera impressionante i processi ossidativi dell’organismo.
  • Un eccesso di attività fisica (specialmente aerobica): l’avresti mai detto che eccedere con gli allenamenti non è affatto positivo per la salute? Invece è proprio così! Infatti, quando il muscolo è attivo durante lo sport, trasforma il 2-5% dell’ossigeno in radicali liberi. Pertanto, se pratichi attività sportiva in maniera eccessiva, sappi che a lungo andare potresti soffrire di stress ossidativo.
  • Un danno mitocondriale: se in qualche modo viene danneggiato il mitocondrio, dove si trovano alcuni sistemi enzimatici antiossidanti, può crearsi o aumentare lo stress ossidativo; le cause del danneggiamento possono essere varie, come l’esposizione a tossine, l’ipossia cellulare o anche lo stesso aumento dei radicali liberi.
  • L’esposizione a sostanze chimiche: chi è spesso a contatto con metalli pesanti, benzene, reagenti chimici e industriali, a causa della capacità di queste sostanze di aumentare i processi di ossidazione dell’organismo, può andare soggetto a stress ossidativo.

Insomma, è quasi sempre “colpa” di una nostra leggerezza o di un eccesso se siamo vittime dello stress ossidativo!

Ma quali sono le conseguenze di questa alterata condizione dell’organismo? Sebbene essa stessa non sia una vera e propria patologia riconosciuta, tuttavia può portare a numerosi disturbi, come vedremo nel paragrafo seguente.

Sintomi e conseguenze stress ossidativo

Quali conseguenze provoca lo stress ossidativo al nostro organismo? Rispondere non è tanto facile, dato che l’eccesso di radicali liberi può essere causa o concausa di diverse condizioni patologiche o degenerative dovute al danno cellulare. I suoi effetti principali sono:

  • Invecchiamento cutaneo: è uno dei principali sintomi di stress ossidativo e si manifesta con pelle secca, poco elastica e tendente a formare rughe specialmente sul viso.
  • Problemi ai capelli: un eccesso di radicali liberi danneggia la capigliatura, dal bulbo pilifero al capello vero e proprio, provocando caduta, fragilità e tendenza a spezzarsi, ma anche insorgenza di doppie punte e comparsa di capelli bianchi.
  • Infertilità: troppi radicali liberi possono essere dannosi per tutte le cellule dell’organismo, compresi ovuli e spermatozoi implicati nella fertilità. Pertanto, lo stress ossidativo può essere una causa di infertilità sia maschile che femminile.
  • Psoriasi: questa patologia infiammatoria della pelle è causata da uno squilibrio del sistema immunitario. Sebbene le cause effettive non siano ancora ben conosciute, si pensa che lo stress ossidativo sia una concausa di malattia poiché contribuisce all’aumento dei fenomeni infiammatori.
  • Fibromialgia: sebbene vi siano ancora ricerche in corso, pare che l’insorgenza di questa patologia, che provoca un dolore muscolare cronico associato a rigidità delle articolazioni, possa essere correlata alla presenza di stress ossidativo. Sembrerebbe, infatti, che rigidità articolare e dolori ai muscoli siano una risposta dell’organismo all’eccesso di radicali liberi presenti. Tale conclusione, però, non è stata ancora confermata.
  • Patologie cardiovascolari: i radicali liberi ossidano molte strutture cellulari, tra cui i lipidi, causando un fenomeno noto come perossidazione lipidica. Quando ciò avviene, possono insorgere placche aterosclerotiche, che sono spesso causa di problemi cardiovascolari come infarto, ipertensione o ictus.
  • Malattie neurodegenerative: la perossidazione lipidica sopra descritta, insieme agli altri danni cellulari a scapito di proteine e DNA, può indurre anche patologie neurodegenerative come il morbo di Parkinson e l’Alzheimer.
  • Steatosi epatica: sembra che lo stress ossidativo possa essere una concausa di questa patologia consistente nell’accumulo di grassi nel fegato. Probabilmente, ciò è dovuto ai processi di ossidazione lipidica causati dai radicali liberi.
  • Osteoporosi: una delle principali cause di osteoporosi (una patologia che causa demineralizzazione e fragilità delle ossa) è proprio lo stress ossidativo. La correlazione tra le due condizioni sarebbe da imputare ai danni cellulari causati dai radicali liberi.
  • Vitiligine: questa patologia provoca ipopigmentazione della cute, cioè comparsa di chiazze biancastre sulla pelle in alcune zone, per una ridotta concentrazione di melanina. Lo stress ossidativo sembrerebbe essere una delle principali concause di tale disturbo, in quanto nei soggetti affetti si avrebbe un deficit di enzima catalasi, che neutralizza il radicale perossido di idrogeno.
  • Tumori: lo stress ossidativo è una delle maggiori concause nell’insorgenza del cancro. Questa correlazione è dovuta ai danni che i radicali liberi causano a DNA e proteine, i quali si traducono nella mancata regolazione dei processi di crescita e morte cellulare.
  • Disturbi alla tiroide: anche il metabolismo tiroideo può essere influenzato dallo stress ossidativo, infatti, i danni causati alle cellule possono provocare sia l’infiammazione del tessuto tiroideo, sia problemi nella sintesi degli ormoni tiroidei.

Come vedi, sono veramente tanti i problemi causati dallo stress ossidativo, per cui diventa fondamentale diagnosticare l’esistenza di questa condizione. Per scoprire come si fa non puoi proprio perderti il prossimo approfondimento!

Valutazione Stress ossidativo Come si esegue

Abbiamo visto che dei valori elevati di stress ossidativo provocano l’insorgenza di numerose patologie ed è, quindi, molto importante effettuarne una corretta diagnosi per poter intervenire il più tempestivamente possibile. Ad oggi, tale valutazione può essere eseguita mediante i seguenti esami:

  • Test FORT (Free Oxygen Radicals Test): è un test colorimetrico (basato su un cambiamento di colore) che misura la capacità di alcuni metalli (in particolare di quelli definiti di transizione) di scindere i radicali liberi presenti nel campione da analizzare. Si pone, quindi, il campione di plasma del paziente a contatto con i reagenti metallici e, mediante reazione colorimetrica, si determina la quantità di radicali liberi presenti.
  • Test d-ROMs (Reactive Oxygen Metabolites): è un test che misura la capacità ossidante del campione di plasma del paziente, mettendolo a contatto con una sostanza cromogena, cioè che cambia colore in base alla quantità di radicali liberi presenti. Viene eseguito in associazione con il BAP test (Biological Antioxidant Potential), un esame che rivela la quantità di antiossidanti presenti nell’organismo, mediante uno strumento chiamato FRAS (Free Radical Analytical System).

Dai test sopra elencati possiamo, dunque, conoscere lo stato di stress ossidativo del nostro organismo, in termini di valori numerici dei radicali liberi, che nel test d-ROMs si misurano in unità Carratelli (abbreviato CARR) e si associano alla concentrazione in micromoli (microM) di antiossidanti presenti.

Il bilancio ossidativo ottimale secondo il test d-ROMs si ottiene quando i radicali liberi hanno un valore compreso tra 250 e 300 CARR, mentre gli antiossidanti sono presenti in concentrazione superiore a 2200 microM.

Alla luce di questo, abbiamo:

  • Iporeattività assoluta e relativa (valori più bassi del normale), quando i radicali liberi hanno un valore inferiore ai 250 CARR e gli antiossidanti sono presenti rispettivamente in concentrazione inferiore o superiore a 2200 microM.
  • Stress ossidativo relativo quando i valori di radicali liberi sono di 250-300 CARR e valori di antiossidanti inferiori a 2200 microM.
  • Stress ossidativo potenziale quando i valori di radicali liberi sono superiori a 300 CARR e quelli di antiossidanti superiori a 2200 microM.
  • Stress ossidativo assoluto quando i valori di radicali liberi sono superiori a 300 CARR e quelli di antiossidanti inferiori a 2200 microM.

Invece, per quanto riguarda il test FORT i valori sono diversi e vengono espressi in unità FORT. In base ai risultati dell’esame avremo:

  • Valori considerati normali quando le unità FORT sono inferiori a 300-310.
  • Valori al limite (borderline) quando le unità FORT sono comprese tra 300 e 330.
  • Condizione di stress ossidativo quando le unità FORT sono superiori a 330.

Una volta conosciuto lo stato di stress ossidativo attraverso queste analisi, si può intervenire mediante l’assunzione di antiossidanti, ricordando sempre che la prevenzione è la migliore strategia anche in questo caso.

Stress Ossidativo Rimedi

Lo stress ossidativo non va assolutamente trascurato, ma per fortuna si può combattere mediante l’assunzione di sostanze antiossidanti molto benefiche per l’organismo. In particolare, ti consigliamo i seguenti rimedi, alcuni dei quali naturali.

Stress Ossidativo come combatterlo

  • Dieta a base di frutta e verdura, soprattutto pomodori (contenenti licopene), agrumi e kiwi (contenenti vitamina C), semi oleosi (contenenti vitamina E), frutti rossi (contenenti antociani, polifenoli e flavonoidi), frutta e verdura di colore arancione come albicocche e carote (contenenti carotenoidi).
  • Integratori fitoterapici di antiossidanti (estratti da diverse piante), tra i quali si consiglia di assumere complessi contenenti flavonoidi, polifenoli, antociani e carotenoidi.
  • Integratori di vitamine e minerali, in particolare complessi multivitaminici contenenti vitamina A, C ed E, e di minerali quali zinco, magnesio e selenio.
  • Integratori  di acidi grassi essenziali appartenenti alla famiglia degli omega-3 e omega-6 (che però si possono assumere in buone quantità anche con il pesce azzurro).
  • Integratori di glutatione e coenzima Q10, antiossidanti naturalmente prodotti dall’organismo umano, che possono essere assunti anche per via esogena.
  • Integratori alcalinizzanti a rilascio di idrogeno come H-500, potentissimo antiossidante in grado di raggiungere un valore di Ossido Riduzione pari a -500 mV.
  • Assunzione delle OPC, cioè le proantocianidine oligomeriche, estratte dalla corteccia del Pino Marittimo e della Vitis Vinifera (la vite da uva). La corteccia del pino marittimo, infatti, contiene tra i suoi principi attivi il picnogenolo, che protegge sia le cellule della pelle che quelle del cuore e dei vasi sanguigni. La vite, invece, è ricca di resveratrolo, principio attivo dalle proprietà antinfiammatorie e antinvecchiamento.
  • Specifici rimedi omeopatici (combinati alle cure tradizionali), che l’esperto di omeopatia può stabilire di volta in volta solo dopo aver esaminato tutti i sintomi del paziente.

In ogni caso, prima di iniziare ad assumere qualsiasi integratore, ti raccomandiamo di chiedere sempre il parere del tuo medico curante, affinché con la sua professionalità possa indirizzarti verso la terapia più adatta a te.

In verità, al di là di tutte le possibili cure, il principio “prevenire è meglio che curare” vale anche per quanto riguarda la lotta ai radicali liberi. Ma come si può fare?

Stress ossidativo come prevenirlo

Il modo migliore per non soffrire di stress ossidativo, quando si riesce a intervenire in tempo, è sicuramente la prevenzione, che permette di creare e mantenere una forte barriera antiossidante. In particolare, per evitare l’attacco degli agenti ossidanti, ti consigliamo di:

  • Svolgere uno stile di vita attivo, rinunciando alla sedentarietà che favorisce l’aumento di peso.
  • Praticare uno sport ma senza esagerare, bastano 2-3 volte a settimana di allenamento oppure 30-40 minuti al giorno di passeggiata a passo sostenuto.
  • Seguire una dieta sana e varia, in cui non devono mancare frutti rossi, pomodori, carote, agrumi, kiwi, e spinaci; a ciò vanno aggiunti anche il pesce azzurro, ricchissimo di acidi grassi insaturi, e i semi oleosi, così come, in generale, tutti gli alimenti contenenti sostanze antiossidanti (vitamina A, C ed E, polifenoli, antociani, flavonoidi, resveratrolo, carotenoidi e licopene).
  • Evitare l’abuso di alcol e il fumo di sigaretta, poiché entrambe le cose favoriscono l’aumento di radicali liberi.
  • Non esporti al sole nelle ore più calde della giornata e non dimenticare mai di utilizzare creme con filtri solari protettivi, per non danneggiare la struttura cellulare della pelle.
  • Non abusare di indagini diagnostiche non necessarie, quali radiografie e tac, che, come abbiamo già detto, possono accelerare i processi di ossidazione.
  • Tenere sotto controllo la glicemia (una delle maggiori cause di stress ossidativo), sia assumendo pochi zuccheri attraverso dolci, bevande zuccherate, caramelle e così via, sia introducendo nella propria dieta cereali integrali e alimenti a basso indice glicemico.

Coral Mine: Svelati i segreti dell’acqua VIVA

Quotidiamente tutti beviamo dell’acqua, chi più e chi meno, ma il sango3problema è che non sappiamo che caratteristiche dovrebbe avere.

Sebbene la composizione chimica H2O sia ben nota a tutti, meno invece ne sappiamo delle sue caratteristiche, oltre a questo l’acqua imbottigliata o quella del rubinetto, durante il suo viaggio nelle varie condutture cittadine e trattamenti chimici, si polarizza con una carica elettrica di oltre 170 milivolt.

Dal momento che i nostri liquidi corporei e il nostro sangue hanno invece una carica elettrica negativa, questo comporta che il nostro organismo impiega più tempo a trarre i benefici visto che prima si deve sforzare per rettificare la carica fino a portarla sotto lo zero o meglio verso valori negativi.

Questa energia viene sottratta a quella utilizzata per affrontare la nostra giornata.

Dal momento che poi, siamo così bravi e ci impegnamo anche bevendo l’acqua durante i pasti, proprio quando non serve(infatti ci troviamo spesso con la pancia gonfia, problemi di gastrite, indigestione, stitichezza) perché lo stomaco ci dice: “No grazie, sto lavorando il cibo, sono impegnato con i succhi gastrici”. Di fatti in questa fase bisogna bere liquidi acidi come per esempio, acqua con limone, succo di arance, tè nero, vino rosso ecc, (eliminare il più possibile le bibite gasate in quanto l’anidride carbonica sterilizza/uccide la flora batterica e i probiotici) in modo da aiutare lo stomaco e la digestione del cibo.

Cosa dobbiamo fare allora, quali sono quindi le sane abitudini da mettere in pratica costantemente:

1) La giornata deve iniziare subito a digiuno, con mezzo litro d’acqua VIVA tiepida 45-50° biologicamente trattata.

Cosa significa biologicamente trattata?

Si inizia col preparare una bottiglia d’acqua naturale da 1 litro e mezzo a cui va aggiunta una bustina di Coral-Mine (calcio di corallo fossile SANGO) ed attendere circa 5 minuti.

Questo miracolosa formula ha la capacità di trasformare la carica elettrica dell’acqua portandola a valori prossimi a -150 milivolt rilasciando inoltre degli importantissimi minerali come potassio, sodio, ferro, fosforo, zolfo, silicio, zinco, magnesio e altri microelementi.

Grazie a questo trattamento totalmente naturale il nostro organismo non dovrà impiegare energia per trasformare l’acqua, ma sarà messa subito in circolo riduncendone notevolmente le tempistiche (circa 15 minuti contro le classiche 2 ore), portando l’ossigeno al sangue e aiutando la circolazione.

Perché bere Acqua Viva alla mattina appena svegli?

Perché al risveglio, questo è il momento migliore della giornata dove il sangue riceve la maggiore irrorazione d’ossigeno e il nostro organismo lo metabolizza come una carica energetica pari al 75% del fabbisogno giornaliero. E’ sostanzialmente il momento dove i nostri accumulatori energetici vengono messi sotto carica.  

Perché bisogna bere Acqua Viva a digiuno e perché berla tiepida?

Essendo al mattino il nostro stomaco vuoto, l’acqua raggiunge rapidamente l’intestino crasso, dove di norma viene assimilata dal nostro organismo.

Tiepida perché il nostro organismo elabora i nutrienti del cibo dopo i 38°, inoltre perchè entrando nello stomaco pulisce le pareti dai residui della sera prima e aiuta ad andare in bagno. Così anche il problema della stitichezza molte volte è risolto.  

2) Il litro d’acqua rimanente, della bottiglia che hai preparato, va bevuto nell’arco della giornata stessa. L’acqua deve essere sempre bevuta a temperatura ambiente, importante non berla mezz’ora prima dei pasti e circa due (2) ore dopo avere mangiato. Come abbiamo visto prima, durante i pasti e dopo bisogna bere liquidi acidi che aiutano la digestione.

Se beviamo l’acqua correttamente trattata, l’organismo la userà subito per i processi digestivi. Dal momento che gli servirà dell’acqua già pronta ed elaborata per trasportare nel sangue le sostanze nutrienti,  la troverà quindi già disponibile nel intestino crasso. Altrimenti, sarà costretto a reperirla da altre fonti di immediato accesso come per lo più dalle feci, poi dalle articolazioni e così via. Si soffrirà pertanto di stitichezza, di gastrite, artrite, mal di testa, e col tempo compariranno vari formicolii nelle zone periferiche e una serie di complicazioni che possono essere benissimo evitati facilmente.

La cosa più interessante è che queste ultime complicanze appena elencate si tramuteranno in malattie, si andrà quindi dal medico, che a questo punto non potrà fare altro che prescrivere dei farmaci, e invece di curare l’origine del problema con la prevenzione, si cureranno i singoli sintomi con varie medicinali. Cerchiamo pertanto di allontanare il più possibile la porta del medico con la prevenzione perchè una volta arrivati, spesso non abbiamo altra scelta che usare la chimica dei vari farmacii salvavita.

Sembrerà strano… ma che tu ci creda o no è la pura verità.

P.S. CORAL-MINE è un prodotto completamente naturale, a base di corallo fossile di alta profondità. Una volta in contatto con l’acqua i suoi minerali dei sali, saranno rilasciati nell’acqua conferendogli qualità benefiche che favoriscono:

– il raggiungimento di un valore di pH ottimale

– la regolazione della pressione arteriosa e del ritmo cardiaco

– prevenzione di osteoporosi e artriti

– maggiore elasticità dei muscoli, ripristino della struttura di tessuti ossei e cartilaginei

– regolazione dell’attività renale e digestiva

– miglioramento del tessuto epiteliale.

– grande supporto al controllo della glicemia e quindi del diabete

 

Se continui a fare quello che stai facendo, otterrai gli stessi risultati. Ogni giorno che non usi questo rivoluzionario prodotto è un’opportunità persa. Clicca QUI per ordinare CORAL-MINE – perché meriti di essere più in salute…

Microhydrin Plus: Studi Medici Universitari dimostrano l’alto potere protettivo

Studi Medici Universitari hanno dimostrato in Vitro l’alto potere protettivo antiossidativo di Microhydrin Plus nei confronti dei danni cellulari del cervello. 

Il danno ossidativo è considerato essere una causa primaria, che porta a molti processi di invecchiamento neuro degenerativi, come quelli che colpiscono la memoria e le capacità cognitive. Alcuni studi scientifici hanno dimostrato che gli antiossidanti proteggono le cellule cerebrali e nervose esposti a stress ossidativo.

Microhydrin Plus è una miscela di antiossidanti i cui principi attivi sono: 1.) Estratto di TèMicrohydrin-Plus-1 Verde 2) N-acetil L-cisteina 3.) quercitina 4.) acido alfa-lipoico 5.) acido ascorbico 6.) estratto di cardo mariano 7.) niacinamide 8.) selenio aminoacido chelato 9.) microidrina Microhydrin®. Questo studio ha dimostrato che Microhydrin Plus supporta la salute e il metabolismo delle cellule cerebrali in coltura.

I. Un preliminare studio in vitro è stato condotto utilizzando colture di cellule del cervello umano. Con l’uso costante dell’enzima glucose oxidase le cellule cerebrali sono state sottoposte al potente ossidante perossido di idrogeno. Dopo 3,5 ore, il numero di cellule sopravissute ai danni dell’ ossidazione è stato duplicato grazie all’impiego di Microhydrin Plus.

Microhydrin-Plus-2II. Un secondo gruppo di test ha dimostrato che quando le cellule cerebrali sono esposte per 5 ore a severi danni con il perossido di idrogeno, solo il 58% delle cellule sopravvive. Tuttavia, l’85% delle cellule sopravvivono quando sono pre trattate con Microhydrin Plus. Le cellule cerebrali trattate con Microhydrin Plus aumentano sostanzialmente la loro resistenza.

Il ricercatore Dr. Gracy,  che aveva già esaminato in precedenza altri derivati antiossidanti naturali e sintetici, riportò a RBC il suo stupore su come Microhydrin Plus avesse agito in questi esperimenti, proteggendo le cellule dall’azione del perossido di idrogeno.

Microhydrin-Plus-3

III. E’ stato anche dimostrato che con l’aggiunta di Microhydrin Plus le cellule cerebrali in vitro aumentano la loro vitalità e crescita dell’ 80%.  “Microhydrin Plus con la sua miscela unica di selezionati antiossidanti naturali e di Microhydrin, sembra essere estremamente efficace nella prevenzione dei danni ossidativi delle cellule cerebrali.” (Robert Gracy Ph.D. Ricerca e Bio Tecnologia, Associate Vice President, University of North Texas Health Science Center a Fort Worth, TX). Microhydrin Plus contiene una miscela esclusiva di antiossidanti che stimolano la crescita delle cellule del cervello, migliorandone la loro vitalità e proteggendole dal danno ossidativo.

Traduzione a cura di Steve Zanardi

www.coralkaline.com

Ecco come l’Acqua Alcalina combatte le INFEZIONI

sorgente acquaBere acqua alcalina regolarmente può migliorare le prestazioni del sistema circolatorio.

Molte persone hanno iniziato a parlare di misure per aumentare l’immunità, anche nel campo dei VIP, come l’ attore di Transformer Mark Wahlberg. 

Da quando il coronavirus ha avuto un impatto sul mondo, le sostanze che stimolano il sistema immunitario sono diventati la parola d’ordine. 
 
L’acqua alcalina ha un livello di pH da 8 a 10 contro il livello di pH da 6,5 ​​a 7,5 per l’acqua potabile. 
 
Ciò fornisce una misura di quanto una sostanza sia acida o basica su una scala da 0 a 14. 
Generalmente, l’acqua potabile normale ha un ph di 7 che non la rende né acida né alcalina. 
L’acqua alcalina ha proprietà antiossidanti e aiuta a combattere i radicali liberi.
Ci sono alcuni studi che evidenziano i benefici del bere acqua alcalina. 
Secondo uno pubblicato su Evidence-Based Complementary and Alternative Medicine , l’acqua alcalina fornisce una maggiore longevità in termini di decelerazione nell’invecchiamento poiché aumenta le funzioni di sopravvivenza. 

In un altro studio pubblicato sul Journal of International Society of Sports Nutrition , è stata osservata una differenza significativa nella viscosità del sangue intero dei partecipanti dopo aver consumato acqua alcalina anziché bere acqua normale dopo un allenamento intenso.

Uno studio pubblicato su Alternative Therapies in Health and Medicine ha indicato che bere acqua alcalina può prevenire l’osteoporosi e proteggere le cellule beta del pancreas con i suoi effetti antiossidanti.

In che modo l’acqua alcalina aumenta l’immunità?

Una quantità in eccesso di composti tossici nel corpo significa che dovrà lavorare molto di più per mantenere le sue funzioni biologiche. 

Questo può portare a debolezza. 

D’altra parte, l’acqua alcalina neutralizza questi composti tossici presenti nel corpo.
Inoltre, l’acqua alcalina viene assorbita più facilmente dall’organismo. 
Ciò consente al corpo di utilizzare efficacemente l’acqua che si beve e le tossine e le sostanze nocive vengono espulse più facilmente dal sistema.
Bere regolarmente acqua alcalina può migliorare le prestazioni del sistema circolatorio, come afferma la dott.ssa Suresh Sisodia.  
Altera la qualità del sangue in modo tale da trasportare più ossigeno negli organi vitali.
Tutti i benefici dell’acqua alcalina agiscono in tandem per rafforzare il sistema immunitario al fine di combattere agenti patogeni e infezioni estranei.

“Per la sua natura di base, l’acqua alcalina neutralizza il contenuto acido nel flusso sanguigno, abbassa il potenziale di riduzione dell’ossidazione (ORP) con conseguente natura antiossidante dell’acqua introducendo una varietà di minerali naturali nell’acqua potabile normale. Bere acqua alcalina ha innumerevoli benefici per la salute come il supporto della digestione e dell’assimilazione, il rafforzamento delle ossa, la riduzione del peso, una migliore idratazione della pelle e del corpo insieme ad altri benefici come proprietà anti-invecchiamento e disintossicanti, ecc. ”, ha aggiunto il dott. Sisodia.

Inoltre, allevia il reflusso acido, che colpisce le persone che mangiano cucine che tendono ad essere acide e piccanti. 

 
I virus vengono inattivati quando il pH è alcalino ed è attivato quando c’è acidità
 
Inoltre, l’acqua alcalina ha proprietà antiossidanti che aiutano a prevenire la crescita di radicali liberi dannosi per le cellule, che possono accelerare il processo di invecchiamento.
 
L’ acqua da bere deve avere un pH alcalino che nessuna acqua minerale in Italia contiene se non alcune fonti, quindi si deve forzatamente utilizzare il prodotto CORAL-MINE per alzare il valore.
Basta un sacchettino al giorno per un litro e mezzo di acqua (no quella di rubinetto o gassata).
CORAL-MINE lo trovi>>> QUI

Storia dell’Acqua Ionizzata Alcalina, le Sue Origini negli Hunza

Una delle più grandi ossessioni dell’essere umano è stata la ricerca della mitica “FONTE DELLA GIOVENTÙ”, simbolo di immortalità, una fonte leggendaria che presumibilmente GUARISCE e restituisce la giovinezza a chiunque beva o si bagna nelle sue acque. L’esploratore spagnolo, Juan Ponce de León, intraprese una spedizione nel 1513 per trovarla, e fu allora che scoprì la Florida.

Altri esploratori hanno continuato la ricerca, ma quello più attuale risale all’inizio del secolo, proveniente da uno scienziato nello studio della fluidodinamica, Henri Coanda (1886-1972), un fisico rumeno, consigliere del laboratorio di ricerca Huyck in Connecticut e in seguito Presidente dell’Accademia rumena delle scienze. I suoi inizi nella ricerca sull’acqua furono, come la sua vita, qualcosa di straordinario. A causa delle notizie che circolavano che raccontavano l’età avanzata dei cittadini di Hunza, nel Karakorum, viaggiò in Himalaya nei primi anni ’30 del secolo scorso per indagare da solo. Come esperto di acqua, era contento quando Scoprì il segreto della longevità e della salute del popolo Hunza: credevano che la ragione fosse l’acqua, della quale ne bevevano in abbondanza.

Henri Coanda era convinto che le qualità che aumentavano la salute dell’acqua degli Hunza dovessero essere spiegate e investigate scientificamente. Per fare questo, prelevò campioni per l’analisi nel laboratorio di ricerca Huyk.

La loro conclusione fu che, in effetti, l’acqua degli Hunza era molto diversa e aveva proprietà uniche che contribuivano alla longevità. Riducendo la temperatura dell’acqua, la sua struttura cambia in una cristallina molto simile alla formazione del fiocco di neve. Inoltre, hanno scoperto che è simile alla struttura molecolare della clorofilla nelle piante e nel sangue umano. L’acqua degli Hunza aveva un “alto pH alcalino” e una straordinaria quantità di idrogeno attivo (idrogeno con un elettrone), con un potenziale REDOX negativo e un alto contenuto di minerali colloidali. Lo chiamavano Acqua viva.

Più tardi, diversi ricercatori hanno iniziato a cercare popolazioni più longeve e le hanno trovate nel Caucaso in Azerbaigian, nelle Ande, nello Shin-Chuan in Cina, dove esiste un denominatore comune: il segreto della longevità e della salute si trova nell’acqua naturale che scende dai disgeli delle alte montagne.

Dopo la seconda guerra mondiale, gli scienziati russi si dedicarono all’invenzione di un dispositivo elettrico che, mediante l’elettrolisi di Faraday, potesse simulare o migliorare le qualità curative di queste acque alpine, separando ossigeno e idrogeno. I giapponesi lo migliorarono e riuscirono a realizzare una separazione ionica.

All’inizio degli anni ’50 i giapponesi svilupparono il primo ionizzatore d’acqua alcalina. Inizialmente, gli esperimenti furono condotti su piante e animali, ma lo sviluppo su larga scala iniziò nel 1954 quando varie università agrarie giapponesi iniziarono a studiare gli effetti dell’acqua dell’acido ionizzato su diverse varietà di piante con risultati davvero sorprendenti.

Dopo aver studiato gli effetti dell’acqua alcalina ionizzata sugli animali che l’avevano bevuta e ottenuto risultati favorevoli, i medici giapponesi finalmente ottennero dati conclusivi per confermare che erano “acque adatte al consumo umano”, ma che avevano anche effetti benefici sull’eradicazione di alcune malattie. La nuova metodologia è chiamata in Giappone come Functional Water Technology.

Il primo impianto commerciale per l’acqua alcalina ionizzata fu disponibile nel 1958, che inizialmente, essendo unità molto grandi, venivano utilizzate solo negli ospedali. Nel 1960, un gruppo di medici giapponesi e scienziati della ricerca agraria formarono un gruppo multidisciplinare per creare un centro di ricerca sull’acqua ionizzata, che tenne convenzioni annuali per riferire sui loro risultati.

Infine, nel gennaio 1966, il Ministero della salute e della riabilitazione del governo giapponese, ha riconosciuto e autorizzato legalmente i dispositivi per uso medico, con l’obiettivo di migliorare la salute umana. Più tardi, negli anni ’70, fu introdotto in Corea, autorizzandone l’uso come attrezzatura medica da parte del governo sudcoreano.

Nel 1985, negli Stati Uniti furono lanciati sul mercato piccoli dispositivi specifici per uso casalingo realizzati in Corea. Un laboratorio indipendente della Louisiana, autorizzato dalla FDA, ha effettuato i test sanitari, con grande successo nel test di tossicità, dimostrando che l’acqua alcalina generata dagli ionizzatori domestici è adatta al consumo umano.

Tuttavia, nonostante il successo dei test, è stato solo dagli anni ’90 che è iniziato il mercato degli ionizzatori, principalmente attraverso società coreane e giapponesi, che continuano a migliorarne la tecnologia con il loro duro lavoro di ricerca. .

L’avvento del nuovo millennio porta una recente rinascita e un’enorme crescita degli ionizzatori d’acqua alcalina, poiché le malattie degenerative sono aumentate vertiginosamente e le persone sono più malate che mai, i medici prescrivono sempre più farmaci perdendone il controllo. Siamo in uno stato di emergenza!

I ricercatori hanno scoperto che il problema nei paesi occidentali è che la qualità dell’acqua è spaventosa poiché tutti bevono acqua sporca, danneggiando la propria salute. Grazie ai grandi ricercatori dell’equilibrio acido-alcalino nel corpo umano, hanno scientificamente dimostrato i grandi benefici per il miglioramento della salute umana.

In Giappone, negli ultimi 40 anni, si stima che oltre 30 milioni di cittadini giapponesi stiano usando questi dispositivi nelle loro case. Questo può aiutare a spiegare perché il Giappone ha il più alto tasso di assistenza sanitaria al mondo, come riportato dalla dott.ssa Barbara Starfield di JAMA. Il Giappone ha i più alti tassi di longevità, il più alto valore di sopravvivenza e il più alto tasso di recupero.

Mentre dall’altra parte, gli Stati Uniti sono al tredicesimo posto. Nei paesi dell’America Latina, come il Messico, questa tecnologia è praticamente sconosciuta, la scienza medica è indietro di oltre 50 anni nello studio del bilancio acido-alcalino. In Messico, i monopoli televisivi si rifiutano di diffondere i benefici del passaggio a uno stile di vita alcalino, cambiando la dieta per una dieta e acqua alcalina.

L’acqua alcalina per essere priva di contaminanti, contiene minerali di cui il nostro corpo ha bisogno, tra cui calcio, magnesio e potassio, che sono sospesi nell’acqua e che il nostro corpo assorbe. L’acqua alcalina ha un effetto antietà, ringiovanente, in quanto ossigena e ringiovanisce i tessuti.

E per ottenere acqua alcalina e ionizzata di qualità ti offro due buone opzioni:

  • Coral Mine direttamente dal Giappone, polvere di corallo fossile preparata per filtrare i residui e le sostanze chimiche dannose dall’acqua, come cloro, calce o metalli pesanti, e che aumenta anche il suo pH a (a seconda dell’acqua utilizzata).
  • HydraMax Pack, la rivoluzione dell’acqua, l’unico programma di ionizzazione ed energizzazione dell’acqua alcalina arricchito anche con potassio e antiossidanti. Bere acqua pura e alcalina a casa non è mai stato più semplice di così.